Rinnovabili ed efficienza energetica nel Mediterraneo, nasce MedSEA

Sarà operativa da maggio 2015 l'alleanza MedSEA, che riunisce rappresentanti di entrambe le sponde del Mediterraneo per accelerare la transizione della regione verso sistemi energetici sostenibili. Il comunicato di Res4Med.

20/11/2014
Rinnovabili ed efficienza energetica nel Mediterraneo, nasce MedSEA

Il 18 novembre a Roma RES4MED - Renewable Solutions for the Mediterranean -  e RCREEE - Regional Center for Renewable Energy and Energy Efficiency - hanno annunciato il lancio di MedSEA, Mediterranean Sustainable Energy Alliance, una nuova iniziativa per la diffusione delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica nei Paesi del Mediterraneo.

MedSEA si propone di creare un'alleanza operativa multidisciplinare che riunisce rappresentanti di entrambe le sponde del Mediterraneo, con l’obiettivo di accelerare la transizione della regione verso sistemi energetici sostenibili (energie rinnovabili ed efficienza) attraverso lo scambio di conoscenze, competenze tecnologiche e best practice.

A cinque anni di distanza dal Master Plan dell’Unione per il Mediterraneo (UpM) e dai progetti svolti da Dii-Desertec e MedGrid, basati sul paradigma di importare in Europa flussi significativi di energia rinnovabile come requisito per la bancabilità dei progetti, ormai non più attuale, il contesto energetico del Mediterraneo è drasticamente cambiato. Molti Paesi del Sud ed Est del Mediterraneo (SEMC) stanno attraversando una fase di transizione verso un quadro istituzionale, giuridico e normativo favorevole ad attrarre investimenti. In questi Paesi i primi progetti rinnovabili di larga scala sono già operativi; le reti nazionali si aprono alla generazione distribuita e i governi locali hanno la necessità di attirare investimenti privati per realizzare i piani nazionali.

Questo contesto richiede un nuovo approccio “bottom up” in grado di soddisfare le esigenze locali coinvolgendo istituzioni, autorità di regolamentazione, gestori dei sistemi di trasmissione, operatori industriali, enti, centri di ricerca e il mondo accademico. Il loro effettivo coinvolgimento per una maggiore comprensione dei bisogni energetici locali, che risulti nella promozione di soluzioni appropriate per la generazione rinnovabile distribuita e l’efficienza, è elemento chiave per una strategia di cooperazione di successo.

Da questi presupposti, nasce la necessità di creare, non “un’altra”, ma una nuova e differente piattaforma di cooperazione.

La missione di MedSEA sarà quella di favorire l'adozione di modelli di generazione distribuita e di misure di efficienza energetica per soddisfare le esigenze locali. L'Alleanza consoliderà reciprocamente le conoscenze sulle tecnologie pulite, rafforzando l’adozione di best practice e l’apertura ai mercati emergenti, massimizzando i benefici reciproci.

L'iniziativa darà inoltre un valore aggiunto ai network esistenti, presentando una geometria variabile in base alle azioni concordate e agirà come una piattaforma no profit, orientata a risultati concreti e replicabili e con un approccio neutro alle tecnologie.

I settori specifici di cooperazione dell'Alleanza puntano a:

  • Facilitare il dialogo politico e  istituzionale
  • Promuovere la competitività delle piccole e medie imprese
  • Promuovere lo sviluppo delle capacità e delle qualifiche professionali
  • Attivare progetti pilota e modelli di business innovativi

L'iniziativa, promossa all’interno dell’accordo di cooperazione tra RES4MED - Renewable Solutions for the Med (Italia) - e RCREEE - Regional Center for Renewable Energy and Energy Efficiency (Egitto) - è condivisa dall’Istituto per la Competitività italiano (I-Com) e verrà proposta ad un numero selezionato di soggetti, tra cui Ciemat (Spagna), NTUA (Grecia), NERC (Giordania), ANME (Tunisia), IRESEN (Marocco), ADEREE (Marocco), CPC e NREA (Egitto), LCEC (Libano). L’Alleanza è aperta ad altri soggetti che possano dare uno specifico valore aggiunto alla missione globale di MedSEA.

MedSEA verrà formalizzata in occasione dell’evento annuale RES4MED al quale interverranno i partners dei paesi del Sud ed Est del Mediterraneo con l’obiettivo di siglare la costituzione della nuova Alleanza. Le attività verranno condotte in stretta collaborazione con l'Unione per il Mediterraneo e saranno poste all'attenzione della Lega araba, della Commissione e del Parlamento europeo.

La piena operatività è prevista per maggio 2015, quando l'Alleanza presenterà il programma delle attività all'attenzione delle istituzioni comunitarie e del Mediterraneo.